Progetto Benessere Fibromialgia

Percorsi di educazione motoria e tecniche di rilassamento in ambiente termale per pazienti con Fibromialgia

Le attività, sviluppate in ambiente termale, prevedono esercizi di ginnastica in acqua, stretching, tecniche di rilassamento, respirazione e
postura, massaggi miorilassanti seguiti da personale esperto e qualificato e si arricchiscono con momenti educazioni per approfondire
e consolidare la conoscenza della patologia con il reumatologo. 

VOGLIO SAPERNE DI PIU’
  • 4 Ginnastica Posturale (STRALE) 30’

  • 2 Massaggi con oli essenziali (fiori di Bach) 55’

  • 6 Piscine Termali – Libere

  • 3 Massaggi manuali totali 36′

  • 6 Ginnastiche AFA di gruppo in piscina termale 60’

  • 2 Ginnastiche AFA di gruppo in palestra 60’

  • 12 Fanghi distrettuali 20’

  • 2 Conferenze di approfondimento 30’

  • 2+2 Controlli Medici/Osteopatici 20’

INFORMAZIONI UTILI SUL PERCORSO

Le attività si svolgono presso la struttura delle Terme di Riolo, in gruppi di 8/10 persone per la durata di 12 giorni distribuiti in 2 settimane
(escludendo la domenica) per un impegno giornaliero di circa 3,30 ore.
Terminato il ciclo, il paziente può continuare a svolgere le attività attraverso specifiche giornate di richiamo

ORARI DEL PROGRAMMA:
Il primo Lunedì, l’arrivo è previsto alle ore 13 .30
Gli altri giorni l’orarioè:

  • dalle ore 8.30 alle 13.00 (turni mattutini)
  • dalle 14.00 alle 18.00 (turni pomeridiani)

I PERIODI DEI TURNI DISPONIBILI SONO:

  • dal 8 al 20 aprile
  • dal 22 Aprile al 4 Maggio
  • dal 13 al 25 maggio
    • Mattina
    • Pomeriggio
  • dal 3 al 15 Giugno
    • Mattina
    • Pomeriggio
  • dal 9 Luglio al 10 Agosto
  • dal 12 al 24 Agosto
  • dal 16 al 28 settembre
    • Mattina
    • Pomeriggio
  • dal 30 Settembre al 12 ottobre
  • dal 14 al 26 ottobre
  • dal 28 ottobre al 9 novembre
  • dal 18 al 30 novembre
0gg
DURATA DEL PERCORSO

“Un percorso multidisciplinare con l’obiettivo di migliorare la sintomatologia dolorosa propria della patologia e, di conseguenza, la qualità della vita.

VOGLIO SAPERNE DI PIU’

La ricerca

La Fibromialgia è una condizione di dolore cronico diffuso, presente da almeno 3 mesi, con associati sintomi quali astenia, rigidità, disturbi del ritmo sonno-veglia, coinvolgimento della sfera psicologica ed affettiva, ed impatto negativo sullo stato di salute e qualità di vita del paziente. Si stima un’incidenza del 3,7 % in Italia.
Causa le incertezze sulla reale eziologia e l’assenza di segni obiettivi su cui basare la diagnosi, i pazienti arrivano spesso a conoscenza della patologia dopo anni di indagini. Allo scopo di formulare proposte terapeutiche non farmacologiche efficaci, da affiancare al trattamento farmacologico  individuale, a cui indirizzare il paziente fibromialgico, è nato il Progetto Benessere, dall’azione congiunta di AMRER Onlus (Associazione Malati Reumatici Emilia Romagna), Cattedra e UO di Reumatologia dell’Università di Ferrara, Terme di Riolo Bagni con il sostegno della Regione Emilia Romagna.

Gli scopi del Progetto Benessere: “sperimentare, creare e promuovere modelli, successivamente trasferibili per il benessere complessivo delle persone seguite dalla rete dei servizi sociali e sanitari” e “validare l’efficacia di tale terapia tramite valutazioni mediche e somministrazione di questionari, eseguite prima e dopo il programma terapeutico, dopo 1 e 3 mesi dalla sua fine”.

Sono stati inseriti nel Progetto Benessere pazienti affetti da Fibromialgia primaria diagnosticata in accordo ai criteri forniti dell’American College
of Rheumatology, di età tra i 18 e i 70 anni e assenza di patologie controindicate al trattamento termale. Si proponeva un programma di 2 settimane, 10 giornate di attività e 3 ore di trattamento effettivo al giorno, comprendente: 6 bagni in acque termali, 4 cicli di esercizi in acqua, 4 sedute individuali di esercizi, 5 massaggi, 2 trattamenti osteopatici. Gli effetti del trattamento sono indagati somministrando il FIQ (questionario specifico) e l’SF-36 (generico) per lo stato di salute e la qualità, la VAS per il dolore, la valutazione dei Tender Points e la FACIT per la fatica. Solo i Tender points venivano valutati dal medico reumatologo, all’inizio e alla fine del trattamento. I questionari venivano compilati prima del trattamento, alla fine, a 1 mese e a 3 mesi.

VOGLIO SAPERNE DI PIU’